La Chiesa e lo scandalo degli abusi sessuali

Il nostro rapporto con l’Eucaristia non può che destare preoccupazione. A ragione il Vaticano II intese mettere di nuovo al centro della vita cristiana e dell’esistenza della Chiesa questo sacramento della presenza del corpo e del sangue di Cristo, della presenza della sua persona, della sua passione, morte e risurrezione. In parte questa cosa è realmente avvenuta e per questo vogliamo di cuore ringraziare il Signore.

Ma largamente dominante è un altro atteggiamento: non domina un nuovo profondo rispetto di fronte alla presenza della morte e risurrezione di Cristo, ma un modo di trattare con lui che distrugge la grandezza del mistero. La calante partecipazione alla celebrazione domenicale dell’Eucaristia mostra quanto poco noi cristiani di oggi siamo in grado di valutare la grandezza del dono che consiste nella Sua presenza reale. L’Eucaristia è declassata a gesto cerimoniale quando si considera ovvio che le buone maniere esigano che sia distribuita a tutti gli invitati a ragione della loro appartenenza al parentado, in occasione di feste familiari o eventi come matrimoni e funerali. L’ovvietà con la quale in alcuni luoghi i presenti, semplicemente perché tali, ricevono il Santissimo Sacramento mostra come nella Comunione si veda ormai solo un gesto cerimoniale. Se riflettiamo sul da farsi, è chiaro che non abbiamo bisogno di un’altra Chiesa inventata da noi. Quel che è necessario è invece il rinnovamento della fede nella realtà di Gesù Cristo donata a noi nel Sacramento.

Leggi il saggio completo di Benedetto XVI qui. (fonte: ACI Stampa)

Dominica III in Quadragesima – 24 Mar 2019

Hac dominica celebratur primum scrutinium præparatorium ad baptismum pro catechumenis, qui in Vigilia paschali ad sacramenta initiationis  christianæ admittentur, adhibitis orationibus et intercessionibus propriis.

Ant. ad introitum Ps 24, 15-16
Oculi mei semper ad Dóminum,
quia ipse evéllet de láqueo pedes meos.
Réspice in me et miserére mei,
quóniam únicus et pauper sum ego.

Vel: Cf. Ez 36, 23-26
Cum sanctificátus fúero in vobis,
congregábo vos de univérsis terris;
et effúndam super vos aquam mundam,
et mundabímini ab ómnibus inquinaméntis vestris,
et dabo vobis spíritum novum, dicit Dóminus.

Non dicitur Glória in excélsis.

Collecta
Deus, ómnium misericordiárum et totíus bonitátis auctor,
qui peccatórum remédia in ieiúniis,
oratiónibus et eleemósynis demonstrásti,
hanc humilitátis nostræ confessiónem propítius intuére,
ut, qui inclinámur consciéntia nostra,
tua semper misericórdia sublevémur.
Per Dóminum.

Dicitur Credo.

Super oblata
His sacrifíciis, Dómine, concéde placátus,
ut, qui própriis orámus absólvi delíctis,
fratérna dimíttere studeámus.
Per Christum.

Quando non legitur Evangelium de Samaritana, adhibetur Præfatio I vel II de Quadragesima.

Ant. ad communionem Cf. Ps 83, 4-5
Passer invénit sibi domum,
et turtur nidum, ubi repónat pullos suos:
altária tua, Dómine virtútum, Rex meus, et Deus meus!
Beáti qui hábitant in domo tua,
in sǽculum sǽculi laudábunt te.

Post communionem
Suméntes pignus cæléstis arcáni,
et in terra pósiti iam supérno pane satiáti,
te, Dómine, súpplices deprecámur,
ut, quod in nobis mystério géritur, ópere impleátur.
Per Christum.

Oratio super populum
Rege, Dómine, quǽsumus, tuórum corda fidélium,
et servis tuis hanc grátiam largíre propítius,
ut in tui et próximi dilectióne manéntes
plenitúdinem mandatórum tuórum adímpleant.
Per Christum.

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana

Il prete diocesano alla luce della spiritualità monastica benedettina

Il prete diocesano alla luce della spiritualità monastica benedettina. Lettera a un sacerdote novello

di don Sergio Paganelli
€ 21,90

Chi è e cosa fa il prete diocesano lo sanno tutti. Ma se la stessa domanda fosse rivolta al diretto interessato, cioè al prete stesso, forse qualche difficoltà nel rispondere l’avrebbe, e comunque le risposte non sarebbero univoche ma molteplici, caratterizzate da presupposti, idee e sensibilità diverse. Uno dei motivi è che il prete diocesano, secolare, si trova immerso in un contesto complesso e difficile con il quale ha a che fare ogni giorno; ma non può essere che, proprio per questo, è anche diventata fumosa, incerta e non immediatamente definibile la sua spiritualità? Questo testo ha lo scopo di presentare la spiritualità monastica benedettina non come alternativa, ma come intrinseca e costitutiva anche di quella del prete diocesano, per ritrovare il suo autentico essere e il senso del suo agire.

Don Sergio Paganelli, ordinato sacerdote nel 1995, è incardinato nella diocesi di Bergamo. Dopo varie esperienze pastorali, attualmente è Parroco di Sombreno e Cappellano del Santuario ivi presente. Collabora con la redazione del sito adorientem.it, per un’autentica riforma della Liturgia in continuità con la Tradizione.

Dominica V “per annum” – 10 Feb 2019

Ant. ad introitum Ps 94, 6-7
Veníte, adorémus Deum,
et procidámus ante Dóminum, qui fecit nos;
quia ipse est Dóminus Deus noster.

Collecta
Famíliam tuam, quǽsumus, Dómine,
contínua pietáte custódi,
ut, quæ in sola spe grátiæ cæléstis innítitur,
tua semper protectióne muniátur.
Per Dóminum.

Super oblata
Dómine Deus noster, qui has pótius creatúras
ad fragilitátis nostræ subsídium condidísti,
tríbue, quǽsumus,
ut étiam æternitátis nobis fiant sacraméntum.
Per Christum.

Ant. ad communionem Cf. Ps 106, 8-9
Confiteántur Dómino misericórdiæ eius,
et mirabília eius fíliis hóminum,
quia satiávit ánimam inánem,
et ánimam esuriéntem satiávit bonis.
Vel: Mt 5, 5-6
Beáti qui lugent, quóniam ipsi consolabúntur.
Beáti qui esúriunt et sítiunt iustítiam,
quóniam ipsi saturabúntur.

Post communionem
Deus, qui nos de uno pane et de uno cálice
partícipes esse voluísti,
da nobis, quǽsumus, ita vívere, ut, unum in Christo effécti,
fructum afferámus pro mundi salúte gaudéntes.
Per Christum.

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana

St. Peter – München / Monaco di Baviera

St. Peter
Petersplatz 1, 80331 München / Monaco di Baviera
Telefon: 089-21 02 37 76-0
E-Mail: St-Peter.Muenchen@ebmuc.de

https://www.erzbistum-muenchen.de/pfarrei/st-peter-muenchen

Reguläre Gottesdienstordnung St. Peter
Sonn- und Feiertag:
9.30 Uhr Lateinisches Amt (Pfarrgottesdienst) mit eucharistischem Segen

Ogni domenica e feste di precetto:
9:30 S. Messa (parrocchiale) in latino con benedizione eucaristica

Gottesdienstordnung 29.01.2019 – 31.03.2019:

Sonntag, 3.2.2019 VIERTER SONNTAG IM JAHRESKREIS
A. Braßat, Missa festiva

Sonntag, 10.2.2019 FÜNFTER SONNTAG IM JAHRESKREIS
Ch. Gounod, Missa breve No. 2

Sonntag, 17.2.2019 SECHSTER SONNTAG IM JAHRESKREIS
M. Eham, Missa Cantate Domino

Sonntag, 24.2.2019 SIEBTER SONNTAG IM JAHRESKREIS
A. Caldara, Missa in G-Dur

Sonntag, 3.3.2019 ACHTER SONNTAG IM JAHRESKREIS
Choralamt mit Orgelbegleitung

Sonntag, 10.3.2019 ERSTER FASTENSONNTAG
J. G. Rheinberger, Missa St. Crucis op. 151

Sonntag, 17.3.2019 ZWEITER FASTENSONNTAG
H. L. Hassler, Missa octo vocum

Sonntag, 24.3.2019 DRITTER FASTENSONNTAG
J. G. Rheinberger, Missa d-Moll op. 83

Sonntag, 31.3.2019 VIERTER FASTENSONNTAG – Laetare
C. Ett, Missa Laetare Jerusalem

Aktuelle Gottesdienstordnung

Orari delle celebrazioni