Intervista a don Federico Bortoli

Un sacerdote, don Federico Bortoli, compie lo studio più approfondito su come si è arrivati a concedere la distribuzione della comunione in mano che Paolo VI e la maggioranza dei vescovi bocciò. Anzitutto con un indulto che doveva essere rivolto solo a quelle diocesi dove si commettevano abusi. Ma poi la “moda” è dilagata. Resta il fatto che la ricezione della comunione in ginocchio e in bocca sia legge universale della Chiesa, la forma consuetudinaria attuale sia solo frutto di una concessione.

Intervista completa di Luisella Scrosati a don Federico Bortoli qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.