La preghiera del Signore

 

Pater noster

 

Pater noster qui es in cælis:

sanctificétur Nomen Tuum;

advéniat Regnum Tuum;

fiat volúntas Tua, sicut in cælo, et in terra.

Panem nostrum cotidiánum da nobis hódie;

et dimítte nobis débita nostra,

sicut et nos dimíttimus debitóribus nostris;

et ne nos indúcas in tentatiónem;

sed líbera nos a Malo.

Padre nostro

 

Padre nostro che sei nei cieli,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno,

sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,

e rimetti a noi i nostri debiti

come noi li rimettiamo ai nostri debitori,

e non ci indurre in tentazione,

ma liberaci dal male.

 

 

Preghiere comuni

 

Signum Crucis

 

In nómine Patris

et Fílii

et Spíritus Sancti. Amen.

 

Segno della Croce

 

Nel nome del Padre

e del Figlio

e dello Spirito Santo. Amen.

Gloria Patri

 

Glória Patri

et Fílio

et Spirítui Sancto.

Sicut erat in princípio,

et nunc et semper

et in sǽcula sæculórum. Amen.

 

Gloria al Padre

 

Gloria al Padre

e al Figlio

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio,

ora e sempre,

nei secoli dei secoli. Amen.

Ave, Maria

 

Ave, María, grátia plena,

Dóminus tecum.

Benedícta tu in muliéribus,

et benedíctus fructus ventris tui, Iesus.

Sancta María, Mater Dei,

ora pro nobis peccatóribus,

nunc et in hora mortis nostræ.

Amen.

 

Ave, Maria

 

Ave, o Maria, piena di grazia,

il Signore è con te.

Tu sei benedetta fra le donne

e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.

Santa Maria, Madre di Dio,

prega per noi peccatori,

adesso e nell’ora della nostra morte.

Amen.

Angele Dei

 

Ángele Dei,

qui custos es mei,

me, tibi commíssum pietáte supérna,

illúmina, custódi,

rege et gubérna.

Amen.

 

Angelo di Dio

 

Angelo di Dio,

che sei il mio custode

illumina, custodisci,

reggi e governa me

che ti fui affidato dalla pietà celeste.

Amen.

Requiem Æternam

 

Réquiem ætérnam dona eis, Dómine,

et lux perpétua lúceat eis.

Requiéscant in pace. Amen.

 

L’Eterno riposo

 

L’eterno riposo dona loro, o Signore,

e splenda ad essi la luce perpetua.

Riposino in pace. Amen.

                   

Angelus Domini

 

Ángelus Dómini nuntiávit Maríæ.

Et concépit de Spíritu Sancto.

Ave, María...

Ecce ancílla Dómini.

Fiat mihi secúndum verbum tuum.

Ave, María...

Et Verbum caro factum est.

Et habitávit in nobis.

Ave, María...

Ora pro nobis, sancta Dei Génetrix.

Ut digni efficiámur promissiónibus Christi.

Orémus.

Grátiam tuam, quǽsumus,

Dómine, méntibus nostris infúnde;

ut qui, Ángelo nuntiánte,

Christi Fílii tui incarnatiónem cognóvimus,

per passiónem eius et crucem,

ad resurrectiónis glóriam perducámur.

Per eúndem Christum Dóminum nostrum. Amen.

Glória Patri...

 

Angelus

 

L’Angelo del Signore portò l’annunzio a Maria.

Ed ella concepì per opera dello Spirito Santo.

Ave Maria...

Eccomi, sono la serva del Signore.

Si compia in me la tua parola.

Ave Maria...

E il Verbo si fece carne.

E venne ad abitare in mezzo a noi.

Ave Maria...

Prega per noi, santa Madre di Dio.

Perché siamo resi degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo.

Infondi nel nostro spirito la tua grazia,

o Padre;

tu, che nell’annunzio dell’angelo

ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio,

per la sua passione e la sua croce

guidaci alla gloria della risurrezione.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

Gloria al Padre...

Regina Cæli

 

Regína cæli lætáre, allelúia.

Quia quem meruísti portáre, allelúia.

Resurréxit, sicut dixit, allelúia.

Ora pro nobis Deum, allelúia.

Gaude et lætáre, Virgo María, allelúia.

Quia surréxit Dóminus vere, allelúia.

Orémus.

Deus, qui per resurrectiónem Fílii tui Dómini nostri Iesu Christi mundum lætificáre dignátus es, præsta, quǽsumus, ut per eius Genetrícem Vírginem Maríam perpétuæ capiámus gáudia vitæ.

Per Christum Dóminum nostrum.

Amen.

 

Regina Cæli

 

Regina dei cieli, rallegrati, alleluia.

Cristo, che hai portato nel grembo, alleluia,

è risorto, come aveva promesso, alleluia.

Prega il Signore per noi, alleluia.

Rallegrati, Vergine Maria, alleluia.

Il Signore è veramente risorto, alleluia.

Preghiamo.

O Dio, che nella gloriosa risurrezione del tuo Figlio hai ridato la gioia al mondo intero, per intercessione di Maria Vergine, concedi a noi di godere la gioia della vita senza fine.

Per Cristo nostro Signore.

Amen.

Ave, Regina cælorum

 

Ave, Regína cælórum,

ave, Dómina Angelórum:

salve, radix, salve, porta,

ex qua mundo lux est orta.

Gáude, Virgo gloriósa,

super omnes speciósa,

vale, o valde decóra,

et pro nobis Christum exóra.

 

Ave, Regina dei cieli

 

Ave, Regina dei cieli,

ave, Signora degli angeli;

porta e radice di salvezza,

rechi nel mondo la luce.

Godi, Vergine gloriosa,

bella fra tutte le donne;

salve o tutta santa,

prega per noi Cristo Signore.

Salve, Regina

 

Salve, Regína,

Mater misericórdiæ,

vita, dulcédo et spes nostra, salve.

Ad te clamámus,

éxsules fílii Evæ.

Ad te suspirámus geméntes et flentes

in hac lacrimárum valle.

Éia ergo, advocáta nostra,

illos tuos misericórdes óculos

ad nos convérte.

Et Iesum benedíctum fructum ventris tui,

nobis, post hoc exsílium, osténde.

O clemens, o pia, o dulcis Virgo María!

 

Salve, Regina

 

Salve, Regina,

madre di misericordia,

vita, dolcezza e speranza nostra, salve.

A te ricorriamo,

esuli figli di Eva;

a te sospiriamo, gementi e piangenti

in questa valle di lacrime.

Orsù dunque, avvocata nostra,

rivolgi a noi gli occhi

tuoi misericordiosi.

E mostraci, dopo questo esilio, Gesù,

il frutto benedetto del tuo Seno.

O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria!

Magnificat

 

Magníficat ánima mea Dóminum,

et exsultávit spíritus meus

in Deo salutári meo,

quia respéxit humilitátem

ancíllæ suæ.

Ecce enim ex hoc beátam

me dicent omnes generatiónes,

quia fecit mihi magna,

qui potens est,

et sanctum nomen eius,

et misericórdia eius in progénies

et progénies timéntibus eum.

Fecit poténtiam in bráchio suo,

dispérsit supérbos mente cordis sui;

depósuit poténtes de sede

et exaltávit húmiles.

Esuriéntes implévit bonis

et dívites dimísit inánes.

Suscépit Ísraël púerum suum,

recordátus misericórdiæ,

sicut locútus est ad patres nostros,

Ábraham et sémini eius in sǽcula.

 

Glória Patri et Fílio

et Spirítui Sancto.

Sicut erat in princípio, et nunc et semper,

et in sǽcula sæculórum.

Amen.

 

Magnificat

 

L’anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio,

mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà

della sua serva.

D’ora in poi tutte le generazioni

mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me

l’Onnipotente e santo è il suo nome:

di generazione in generazione

la sua misericordia

si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,

ricordandosi della sua

misericordia, come aveva promesso ai nostri padri,

ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

 

Gloria al Padre e al Figlio

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre

nei secoli dei secoli.

Amen.

 

Sub tuum præsidium

 

Sub tuum præsídium confúgimus,

sancta Dei Génetrix;

nostras deprecatiónes ne despícias

in necessitátibus;

sed a perículis cunctis líbera nos semper,

Virgo gloriósa et benedícta.

 

Sotto la tua protezione

 

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,

santa Madre di Dio:

non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova,

ma liberaci da ogni pericolo,

o Vergine gloriosa e benedetta.

Alma Redemptoris Mater

 

Alma Redemptóris Máter,

Quæ pérvia cœli porta manes,

Et Stella maris,

Succúrre cadénti,

Súrgere qui curat, pópulo:

Tu quæ genuísti,

Natúra miránte,

Tuum sanctum Genitórem.

Virgo príus, ac postérius,

Gabriélis ab ore,

Sumens illud Ave,

Peccatórum miserére.

 

Alma Redemptoris Mater

 

O Santa Madre del Redentore,

porta dei cieli,

stella del mare,

soccorri il tuo popolo

che anela a risorgere.

Tu che accogliendo il saluto dell’angelo,

nello stupore di tutto il creato,

hai generato il tuo Creatore

madre sempre vergine,

pietà di noi peccatori.

Benedictus

 

Benedíctus Dóminus, Deus Ísraël,

quia visitávit

et fecit redemptiónem plebi suæ,

et eréxit cornu salútis nobis

in domo David púeri sui,

sicut locútus est per os sanctórum,

qui a sǽculo sunt, prophetárum eius,

salútem ex inimícis nostris

et de manu ómnium, qui odérunt nos;

ad faciéndam misericórdiam

cum pátribus nostris

et memorári testaménti sui sancti,

iusiurándum, quod iurávit

ad Ábraham patrem nostrum,

datúrum se nobis, ut sine timóre,

de manu inimicórum liberáti,

serviámus illi in sanctitáte et iustítia coram ipso

omnibus diébus nostris.

Et tu, puer,

prophéta Altíssimi vocáberis:

præíbis enim ante fáciem Dómini

paráre vias eius,

ad dandam sciéntiam salútis plebi eius

in remissiónem peccatórum eórum,

per víscera misericórdiæ Dei nostri,

in quibus visitábit nos óriens ex alto,

illumináre his, qui in ténebris

et in umbra mortis sedent,

ad dirigéndos pedes nostros in viam pacis.

Glória Patri et Fílio

et Spirítui Sancto.

Sicut erat in princípio, et nunc et semper,

et in sǽcula sæculórum.

Amen.

 

Benedictus

 

Benedetto il Signore, Dio d’Israele,

perché ha visitato

e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente

nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso

per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

salvezza dai nostri nemici,

e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia

ai nostri padri

e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo,

nostro padre, di concederci,

liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore,

in santità e giustizia al suo cospetto,

per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato

profeta dell’Altissimo

perché andrai innanzi al Signore

a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza

nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,

per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre

e nell’ombra della morte

e dirigere i nostri passi sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre

nei secoli dei secoli.

Amen.

 

Te Deum

 

Te Deum laudámus:

te Dóminum confitémur.

Te ætérnum Patrem,

omnis terra venerátur.

Tibi omnes ángeli,

tibi cæli et univérsæ potestátes:

tibi chérubim et séraphim

incessábili voce proclámant:

Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dóminus Deus Sábaoth.

Pleni sunt cæli et terra maiestátis glóriæ tuæ.

Te gloriósus apostolórum chorus,

te prophetárum laudábilis númerus,

te mártyrum candidátus laudat exércitus.

Te per orbem terrárum sancta confitétur Ecclésia,

Patrem imménsæ maiestátis;

venerándum tuum verum et únicum Fílium;

Sanctum quoque Paráclitum Spíritum.

Tu rex glóriæ, Christe.

Tu Patris sempitérnus es Fílius.

Tu, ad liberándum susceptúrus hóminem,

non horrúisti Vírginis úterum.

Tu, devícto mortis acúleo,

aperuísti credéntibus regna cælórum.

Tu ad déxteram Dei sedes, in glória Patris.

Iudex créderis esse ventúrus.

Te ergo quǽsumus, tuis fámulis súbveni,

quos pretióso sánguine redemísti.

Ætérna fac cum sanctis tuis in glória numerári.

Salvum fac pópulum tuum, Dómine,

et bénedic hereditáti tuæ.

Et rege eos, et extólle illos usque in ætérnum.

Per síngulos dies benedícimus te;

et laudámus nomen tuum

in sǽculum, et in sǽculum sǽculi.

Dignáre, Dómine, die isto sine peccáto nos custodíre.

Miserére nostri, Dómine, miserére nostri.

Fiat misericórdia tua, Dómine, super nos,

quemádmodum sperávimus in te.

In te, Dómine, sperávi:

non confúndar in ætérnum.

 

Te Deum

 

Noi ti lodiamo, Dio,

ti proclamiamo Signore.

O eterno Padre,

tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli

e tutte le potenze dei cieli:

Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.

Ti acclama il coro degli apostoli

e la candida schiera dei martiri;

le voci dei profeti si uniscono

nella tua lode;

la santa Chiesa proclama

la tua gloria,

adora il tuo unico Figlio,

e lo Spirito Santo Paràclito.

O Cristo, re della gloria,

eterno Figlio del Padre,

tu nascesti dalla Vergine Madre

per la salvezza dell’uomo.

Vincitore della morte,

hai aperto ai credenti il regno dei cieli.

Tu siedi alla destra di Dio,

nella gloria del Padre.

Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore,

che hai redento col tuo sangue prezioso.

Accoglici nella tua gloria

nell’assemblea dei santi.

Salva il tuo popolo, Signore,

guida e proteggi i tuoi figli.

Ogni giorno ti benediciamo,

lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore,

di custodirci senza peccato.

Sia sempre con noi

la tua misericordia: in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore, pietà di noi.

Tu sei la nostra speranza,

non saremo confusi in eterno.

Veni, Creator Spiritus

 

Veni, creátor Spíritus,

mentes tuórum vísita,

imple supérna grátia,

quæ tu creásti péctora.

 

Qui díceris Paráclitus,

altíssimi donum Dei,

fons vivus, ignis, cáritas,

et spiritális únctio.

 

Tu septifórmis múnere,

dígitus patérnæ déxteræ,

tu rite promíssum Patris,

sermóne ditans gúttura.

 

Accénde lumen sénsibus,

infúnde amórem córdibus,

infírma nostri córporis

virtúte firmans pérpeti.

 

Hostem repéllas lóngius

pacémque dones prótinus;

ductóre sic te prǽvio

vitémus omne nóxium.

 

Per Te sciámus da Patrem

noscámus atque Fílium,

teque utriúsque Spíritum

credámus omni témpore.

 

Deo Patri sit glória,

et Fílio, qui a mórtuis

surréxit, ac Paráclito,

in sæculórum sǽcula.

Amen.

 

Vieni, o Spirito Creatore

 

Vieni, o Spirito creatore,

visita le nostre menti,

riempi della tua grazia

i cuori che hai creato.

 

O dolce consolatore,

dono del Padre altissimo,

acqua viva, fuoco, amore,

santo crisma dell’anima.

 

Dito della mano di Dio,

promesso dal Salvatore,

irradia i tuoi sette doni,

suscita in noi la parola.

 

Sii luce all’intelletto,

fiamma ardente nel cuore;

sana le nostre ferite

col balsamo del tuo amore.

 

Difendici dal nemico,

reca in dono la pace,

la tua guida invincibile

ci preservi dal male.

 

Luce d’eterna sapienza,

svelaci il grande mistero

di Dio Padre e del Figlio

uniti in un solo Amore.

Amen.

Veni, Sancte Spiritus

 

Veni, Sancte Spíritus,

et emítte cǽlitus

lucis tuæ rádium.

 

Veni, pater páuperum,

veni, dator múnerum,

veni, lumen córdium.

 

Consolátor óptime,

dulcis hospes ánimæ,

dulce refrigérium.

 

In labóre réquies,

in æstu tempéries,

in fletu solácium.

 

O lux beatíssima,

reple cordis íntima

tuórum fidélium.

 

Sine tuo númine,

nihil est in hómine

nihil est innóxium.

 

Lava quod est sórdidum,

riga quod est áridum,

sana quod est sáucium.

 

Flecte quod est rígidum,

fove quod est frígidum,

rege quod est dévium.

 

Da tuis fidélibus,

in te confidéntibus,

sacrum septenárium.

 

Da virtútis méritum,

da salútis éxitum,

da perénne gáudium.

Amen.

 

Vieni, Santo Spirito

 

Vieni, Santo Spirito,

manda a noi dal cielo

un raggio della tua luce.

 

Vieni, padre dei poveri,

vieni; datare dei doni,

vieni, luce dei cuori.

 

Consolatore perfetto,

ospite dolce dell’anima,

dolcissimo sollievo.

 

Nella fatica, riposo,

nella calura, riparo,

nel pianto, conforto.

 

O luce beatissima,

invadi nell’intimo

il cuore dei tuoi fedeli.

 

Senza la tua forza,

nulla è nell’uomo,

nulla senza colpa.

 

Lava ciò che è sordido,

bagna ciò che è arido,

sana ciò che sanguina.

 

Piega ciò che è rigido,

scalda ciò che è gelido,

raddrizza ciò ch’è sviato.

 

Dona ai tuoi fedeli

che solo in te confidano

i tuoi santi doni.

 

Dona virtù e premio,

dona morte santa,

dona gioia eterna.

Amen.

Partialis indulgentia conceditur christifideli qui, qualibet pia formula legitime adprobata, elicuerit gratiarum actionem post communionem (e.g. Anima Christi; En ego, o bone et dulcissime Iesu).

 

Anima Christi

 

Ánima Christi, sanctífica me.

Corpus Christi, salva me.

Sánguis Christi, inébria me,

Aqua láteris Christi, lava me.

Pássio Christi, confórta me,

O bone Iesu, exáudi me.

Intra tua vúlnera abscónde me.

Ne permíttas me separári a te.

Ab hoste malígno defénde me.

In hora mortis meæ voca me.

Et iube me veníre ad te,

ut cum Sanctis tuis laudem te

in sǽcula sæculórum.

Amen.

 

Si concede l’indulgenza parziale al fedele che, con qualche pia formula legittimamente approvata, fa il ringraziamento dopo la comunione (per esempio, Anima di Cristo; Eccomi, o mio amato e buon Gesù).

 

Anima di Cristo

 

Anima di Cristo, santificami.

Corpo di Cristo, salvami.

Sangue di Cristo, inebriami.

Acqua del costato di Cristo, lavami.

Passione di Cristo, confortami.

O buon Gesù, esaudiscimi.

Dentro le tue ferite nascondimi.

Non permettere che io mi separi da te.

Dal nemico maligno difendimi.

Nell’ora della mia morte chiamami.

Comandami di venire a te,

perché con i tuoi Santi io ti lodi,

nei secoli dei secoli.

Amen.

En ego, o bone et dulcissime Iesu

 

En ego, o bone et dulcíssime Iesu, ante conspéctum tuum génibus me provólvo, ac máximo ánimi ardóre te oro atque obtéstor, ut meum in cor vívidos fídei, spei et caritátis sensus, atque veram peccatórum meórum pæniténtiam, eáque emendándi firmíssimam voluntátem velis imprímere; dum magno ánimi afféctu et dolóre tua quinque vúlnera mecum ipse consídero, ac mente contémplor, illud præ óculis habens, quod iam in ore ponébat tuo David Prophéta de te, o bone Iesu: «Fodérunt manus meas et pedes meos; dinumeravérunt ómnia ossa mea».

 

Eccomi, o mio amato e buon Gesù

 

Eccomi, o mio amato e buon Gesù, che alla santissima tua presenza prostrato ti prego con il fervore più vivo di stampare nel mio cuore sentimenti di fede, di speranza, di carità, di dolore dei miei peccati e di proponimento di non più offenderti; mentre io con tutto l’amore e con tutta la compassione vado considerando le tue cinque piaghe, cominciando da ciò che disse di te, o mio Gesù, il santo profeta Davide: «Hanno forato le mie mani e i miei piedi, hanno contato tutte le mie ossa».

Benedictus Deus

 

Benedíctus Deus.

Benedíctum Nomen Sanctum eius.

Benedíctus Iesus Christus, verus Deus et verus homo.

Benedíctum Nomen Iesu.

Benedíctum Cor eius sacratíssimum.

Benedíctus Sánguis eius pretiosíssimus.

Benedíctus Iesus in sanctíssimo altáris Sacraménto.

Benedíctus Sanctus Spíritus, Paráclitus.

Benedícta excélsa Mater Christi, María sanctíssima.

Benedícta sancta eius et immaculáta Concéptio.

Benedícta eius gloriósa Assúmptio.

Benedíctum nomen Maríæ, Vírginis et Matris.

Benedíctus sanctus Ioseph, eius castíssimus Sponsus.

Benedíctus Deus in Ángelis suis, et in Sanctis suis. Amen.

 

Dio sia benedetto

 

Dio sia benedetto.

Benedetto il Suo santo Nome.

Benedetto Gesù Cristo, vero Dio e vero Uomo.

Benedetto il Nome di Gesù.

Benedetto il Suo sacratissimo Cuore.

Benedetto il Suo preziosissimo Sangue.

Benedetto Gesù nel SS. Sacramento dell’altare.

Benedetto lo Spirito Santo Paraclito.

Benedetta la gran Madre di Dio, Maria Santissima.

Benedetta la Sua santa e Immacolata Concezione.

Benedetta la Sua gloriosa Assunzione.

Benedetto il Nome di Maria, Vergine e Madre.

Benedetto S. Giuseppe, Suo castissimo Sposo.

Benedetto Dio nei Suoi Angeli e nei Suoi Santi.

Amen.

 

Memorare

 

Memoráre, o piíssima Virgo María, non esse audítum a sǽculo, quemquam ad tua curréntem præsídia, tua implorántem auxília, tua peténtem suffrágia, esse derelíctum. Ego tali animátus confidéntia, ad te, Virgo Vírginum, Mater, curro, ad te vénio, coram te gemens peccátor assísto. Noli, Mater Verbi, verba mea despícere; sed áudi propítia et exáudi.

Amen.

 

Memorare

 

Ricordati, o piissima Vergine Maria, non essersi mai udito al mondo che alcuno abbia ricorso al tuo patrocinio, implorato il tuo aiuto, chiesto la tua protezione e sia stato abbandonato. Animato da tale confidenza, a te ricorro, o Madre, Vergine delle Vergini, a te vengo e, peccatore contrito, innanzi a te mi prostro.

Non volere, o Madre del Verbo, disprezzare le mie preghiere, ma ascoltami propizia ed esaudiscimi. Amen.

 

Sancta Maria, succurre miseris

 

Sancta María, succúrre míseris, iúva pusillánimes, réfove flébiles, ora pro pópulo, intérveni pro clero, intercéde pro devóto femíneo sexu: séntiant omnes tuum iuvámen, quicúmque célebrant tuam sanctam commemoratiónem.

 

Santa Maria, soccorri i miseri

 

Santa Maria, soccorri i miseri, aiuta i deboli, conforta gli afflitti, prega per il popolo, intervieni per il clero, intercedi per le donne pie, sentano la tua protezione tutti quelli che ti onorano.

Maria, Mater gratiæ

 

María, Mater grátiæ,

Mater misericórdiæ,

Tu me ab hoste prótege

et mortis hora súscipe.

 

Maria, Madre di grazia

 

Maria, Madre di grazia,

Madre di misericordia,

proteggimi dal nemico,

e accoglimi nell’ora della morte.

Preghiera a san Michele Arcangelo

(Papa Leone XIII)

 

Sancte Míchaël Archángele, defénde nos in prǽlio,

contra nequítiam et insídias diáboli esto præsídium.

Ímperet illi Deus, súpplices deprecámur:

tuque, Prínceps milítiæ cœléstis, sátanam aliósque spíritus malígnos, qui ad perditiónem animárum pervagántur in mundo, divína virtúte, in inférnum detrúde.

Preghiera a san Michele Arcangelo

(Papa Leone XIII)

 

San Michele Arcangelo, difendici nella lotta,

sii il nostro aiuto contro la malvagità e le insidie del demonio.

Supplichevoli preghiamo che Dio lo domini

e Tu, Principe della Milizia Celeste, con il potere che ti viene da Dio, incatena nell’inferno satana e gli spiriti maligni, che si aggirano per il mondo per far perdere le anime.

 

Rosarium

 

Mystéria gaudiósa

(in feria secunda et sabbato)

 

Annuntiátio.

Visitátio.

Natívitas.

Præsentátio.

Invéntio in Templo.

 

Mystéria luminósa

(in feria quinta)

 

Baptísma apud Iordánem.

Autorevelátio apud Cananénse matrimónium.

Regni Dei proclamátio coniúncta cum             invitaménto ad conversiónem.

Transfigurátio.

Eucharístiæ Institútio.

 

Mystéria dolorósa

(in feria tertia et feria sexta)

 

Agonía in Hortu.

Flagellátio.

Coronátio Spinis.

Baiulátio Crucis.

Crucifíxio et Mors.

 

Mystéria gloriósa

(in feria quarta et Dominica)

 

Resurréctio.

Ascénsio.

Descénsus Spíritus Sancti.

Assúmptio.

Coronátio in Cælo.

 

Oratio ad finem Rosarii dicenda

 

Salve, Regína,

Mater misericórdiæ,

vita, dulcédo et spes nostra, salve.

Ad te clamámus,

éxsules fílii Evæ.

Ad te suspirámus geméntes et flentes

in hac lacrimárum valle.

Éia ergo, advocáta nostra,

illos tuos misericórdes óculos

ad nos convérte.

Et Iesum benedíctum fructum ventris tui,

nobis, post hoc exsílium, osténde.

O clemens, o pia, o dulcis Virgo María!

 

Litaniæ Lauretanæ

 

Kýrie eléison — Kýrie eléison

Christe eléison — Christe eléison

Kýrie eléison — Kýrie eléison

Christe áudi nos — Christe audi nos

Christe exáudi nos — Christe exaudi nos

Pater de Cœlis, Deus — miserére nobis

Fili Redémptor mundi, Deus — miserére nobis

Spíritus Sancte, Deus — miserére nobis

Sancta Trínitas, unus Deus — miserére nobis

 

Sancta María, ora pro nobis

Sancta Dei Génetrix, ora pro nobis

Sancta Virgo vírginum, ora pro nobis

Mater Christi, ora pro nobis

Mater Ecclésiæ, ora pro nobis

Mater misericórdiæ, ora pro nobis

Mater divínæ grátiæ, ora pro nobis

Mater spéi, ora pro nobis

Mater puríssima, ora pro nobis

Mater castíssima, ora pro nobis

Mater invioláta, ora pro nobis

Mater intemeráta, ora pro nobis

Mater amábilis, ora pro nobis

Mater admirábilis, ora pro nobis

Mater boni Consílii, ora pro nobis

Mater Creatóris, ora pro nobis

Mater Salvatóris, ora pro nobis

Virgo prudentíssima, ora pro nobis

Virgo veneránda, ora pro nobis

Virgo prædicánda, ora pro nobis

Virgo potens, ora pro nobis

Virgo clemens, ora pro nobis

Virgo fidélis, ora pro nobis

Spéculum iustítiæ, ora pro nobis

Sedes Sapiéntiæ, ora pro nobis

Causa nostræ lætítiæ, ora pro nobis

Vas spirituále, ora pro nobis

Vas honorábile, ora pro nobis

Vas insígne devotiónis, ora pro nobis

Rosa mýstica, ora pro nobis

Turris davídica, ora pro nobis

Turris ebúrnea, ora pro nobis

Domus áurea, ora pro nobis

Fœderis arca, ora pro nobis

Iánua Cœli, ora pro nobis

Stella matutína, ora pro nobis

Salus infirmórum, ora pro nobis

Refúgium peccatórum, ora pro nobis

Solácium migrántium, ora pro nobis

Consolátrix afflictórum, ora pro nobis

Auxílium Christianórum, ora pro nobis

Regína Angelórum, ora pro nobis

Regína Patriarchárum, ora pro nobis

Regína Prophetárum, ora pro nobis

Regína Apostolórum, ora pro nobis

Regína Mártyrum, ora pro nobis

Regína Confessórum, ora pro nobis

Regína Vírginum, ora pro nobis

Regína Sanctórum ómnium, ora pro nobis

Regína sine labe origináli concépta, ora pro nobis

Regína in Cœlum assúmpta, ora pro nobis

Regína sacratíssimi Rosárii, ora pro nobis

Regína famíliæ, ora pro nobis

Regína pacis, ora pro nobis.

 

Agnus Dei qui tollis peccáta mundi

            parce nobis, Dómine

Agnus Dei qui tollis peccáta mundi

            exáudi nos, Dómine

Agnus Dei qui tollis peccáta mundi

            miserére nobis.

 

Ora pro nobis, sancta Dei Génetrix.

Ut digni efficiámur promissiónibus Christi.

 

 

Orémus.

Deus, cúius Unigénitus per vitam, mortem et resurrectiónem suam nobis salútis ætérnæ prǽmia comparávit, concéde, quǽsumus: ut hæc mystéria sacratíssimo beátæ Maríæ Vírginis Rosário recoléntes, et imitémur quod cóntinent, et quod promíttunt assequámur. Per Christum Dóminum nostrum.

Amen.

 

Rosario

 

Misteri della gioia

(da recitare lunedì e sabato)

 

L’annuncio dell’Angelo a Maria.

La visita di Maria a Elisabetta.

La nascita di Gesù a Betlemme.

La presentazione di Gesù al Tempio.

Il ritrovamento di Gesù nel Tempio.

 

Misteri della luce

(da recitare giovedì)

 

Il battesimo di Gesù al Giordano.

L’auto-rivelazione di Gesù alle nozze di Cana.

L’annuncio del Regno di Dio

            con l’invito alla conversione.

La trasfigurazione di Gesù sul Tabor.

L’istituzione dell’Eucaristia.

 

Misteri del dolore

(da recitare martedì e venerdì)

 

Gesù nell’orto degli ulivi.

Gesù flagellato alla colonna.

Gesù è coronato di spine.

Gesù sale al Calvario.

Gesù muore in Croce.

 

Misteri della gloria

(da recitare mercoledì e domenica)

 

Gesù risorge da morte.

Gesù ascende al cielo.

La discesa dello Spirito Santo.

L’assunzione di Maria al cielo.

Maria, Regina del cielo e della terra.

 

Preghiera alla fine del S. Rosario

 

Salve, Regina,

madre di misericordia,

vita, dolcezza e speranza nostra, salve.

A te ricorriamo,

esuli figli di Eva;

a te sospiriamo, gementi e piangenti

in questa valle di lacrime.

Orsù dunque, avvocata nostra,

rivolgi a noi gli occhi

tuoi misericordiosi.

E mostraci, dopo questo esilio, Gesù,

il frutto benedetto del tuo Seno.

O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria!

 

Litanìe Lauretane

 

Signore, pietà — Signore, pietà

Cristo, pietà — Cristo, pietà

Signore, pietà — Signore, pietà

Cristo, ascoltaci — Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici — Cristo, esaudiscici

Padre che sei nei Cieli — abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del mondo — abbi pietà di noi

Spirito Santo Paràclito — abbi pietà di noi

Santa Trinità, unico Dio — abbi pietà di noi

 

Santa Maria, prega per noi

Santa Madre di Dio, prega per noi

Santa Vergine delle vergini, prega per noi

Madre di Cristo, prega per noi

Madre della Chiesa, prega per noi

Madre della misericordia, prega per noi

Madre della divina grazia, prega per noi

Madre della speranza, prega per noi

Madre purissima, prega per noi

Madre castissima, prega per noi

Madre sempre vergine, prega per noi

Madre immacolata, prega per noi

Madre degna d’amore, prega per noi

Madre ammirevole per virtù, prega per noi

Madre del buon Consiglio, prega per noi

Madre del Creatore, prega per noi

Madre del Salvatore, prega per noi

Vergine prudentissima, prega per noi

Vergine degna di onore, prega per noi

Vergine degna di lode, prega per noi

Vergine potente, prega per noi

Vergine clemente, prega per noi

Vergine fedele, prega per noi

Specchio di perfezione, prega per noi

Sede della Sapienza, prega per noi

Fonte della nostra gioia, prega per noi

Tempio dello Spirito Santo, prega per noi

Tabernacolo dell’eterna gloria, prega per noi

Dimora consacrata a Dio, prega per noi

Rosa mistica, prega per noi

Torre della santa città di Davide, prega per noi

Fortezza inespugnabile, prega per noi

Santuario della divina presenza, prega per noi

Arca dell’alleanza, prega per noi

Porta del Cielo, prega per noi

Stella del mattino, prega per noi

Salute degli infermi, prega per noi

Rifugio dei peccatori, prega per noi

Aiuto dei migranti, prega per noi

Consolatrice degli afflitti, prega per noi

Aiuto dei cristiani, prega per noi

Regina degli angeli, prega per noi

Regina dei patriarchi, prega per noi

Regina dei profeti, prega per noi

Regina degli apostoli, prega per noi

Regina dei martiri, prega per noi

Regina dei testimoni della fede, prega per noi

Regina delle vergini, prega per noi

Regina di tutti i santi, prega per noi

Regina concepita senza peccato, prega per noi

Regina assunta in Cielo, prega per noi

Regina del santo Rosario, prega per noi

Regina della famiglia, prega per noi

Regina della pace, prega per noi.

 

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo

perdonaci, Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo

            ascoltaci, Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo

            abbi pietà di noi.

 

Prega per noi, santa Madre di Dio.

Affinché siamo fatti degni delle promesse di Cristo.

 

Preghiamo.

O Dio, il tuo unico Figlio ci ha acquistato con la sua vita, morte e risurrezione i beni della salvezza eterna: concedi a noi che, venerando questi misteri del santo Rosario della Vergine Maria, imitiamo ciò che contengono e otteniamo ciò che promettono.

Per Cristo nostro Signore.

Amen.

 

Stabat Mater

 

Stabat Mater dolorósa

iuxta crucem lacrimósa,

dum pendébat Fílius.

 

Cúius ánimam geméntem,

contristátam et doléntem

pertransívit gládius.

 

O quam tristis et afflícta

fuit illa benedícta

Mater Unigéniti!

 

Quæ mœrébat et dolébat,

pia mater, cum vidébat

nati pœnas íncliti.

 

Quis est homo, qui non fleret,

Matrem Christi si vidéret

in tanto supplício?

 

Quis non posset contristári,

Christi Matrem contemplári

doléntem cum Fílio?

 

Pro peccátis suæ gentis

vidit Iesum in torméntis

et flagéllis súbditum.

 

Vidit suum dulcem natum

moriéntem desolátum,

dum emísit spíritum.

 

Eia, mater, fons amóris,

me sentíre vim dolóris

fac, ut tecum lúgeam.

 

Fac, ut árdeat cor meum

in amándo Christum Deum,

ut sibi compláceam.

 

Sancta Mater, istud agas,

crucifíxi fige plagas

cordi meo válide.

 

Tui Nati vulneráti,

tam dignáti pro me pati,

pœnas mecum dívide.

 

Fac me vere tecum flere,

Crucifíxo condolére

donec ego víxero.

 

Iuxta crucem tecum stare,

te libénter sociáre

in planctu desídero.

 

Virgo vírginum præclára,

mihi iam non sis amára,

fac me tecum plángere.

 

Fac, ut portem Christi mortem,

passiónis fac consórtem

et plagas recólere.

 

Fac me plagis vulnerári,

cruce hac inebriári

et cruóre Fílii.

 

Flammis ne urar succénsus,

per te, Virgo, sim defénsus

in die iudícii.

 

Fac me cruce custodíri

morte Christi præmuníri,

confovéri grátia.

 

Quando corpus moriétur,

fac, ut ánimæ donétur

paradísi glória.

 

Amen.

Stabat Mater

 

La Madre addolorata stava

in lacrime presso la Croce

mentre pendeva il Figlio.

 

E il suo animo gemente,

contristato e dolente

era trafitto da una spada.

 

Oh, quanto triste e afflitta

fu la benedetta

Madre dell’Unigenito!

 

Come si rattristava, si doleva

la Pia Madre vedendo

le pene del celebre Figlio!

 

Chi non piangerebbe

al vedere la Madre di Cristo

in tanto supplizio?

 

Chi non si rattristerebbe

al contemplare la pia Madre

dolente accanto al Figlio?

 

A causa dei peccati del suo popolo

Ella vide Gesù nei tormenti,

sottoposto ai flagelli.

 

Vide il suo dolce Figlio

che moriva abbandonato

mentre esalava lo spirito.

 

Oh, Madre, fonte d’amore,

fammi provare lo stesso dolore

perché possa piangere con te.

 

Fa’ che il mio cuore arda

nell’amare Cristo Dio

per fare cosa a lui gradita.

 

Santa Madre, fa’ questo:

imprimi le piaghe del tuo Figlio crocifisso

fortemente nel mio cuore.

 

Del tuo figlio ferito

che si è degnato di patire per me,

dividi con me le pene.

 

Fammi piangere intensamente con te,

condividendo il dolore del Crocifisso,

finché io vivrò.

 

Accanto alla Croce desidero stare con te,

in tua compagnia,

nel compianto.

 

O Vergine gloriosa fra le vergini

non essere aspra con me,

fammi piangere con te.

 

Fa’ che io porti la morte di Cristo,

fammi avere parte alla sua passione

e fammi ricordare delle sue piaghe.

 

Fa’ che sia ferito delle sue ferite,

che mi inebri della Croce

e del sangue del tuo Figlio.

 

Che io non sia bruciato dalle fiamme,

che io sia, o Vergine, da te difeso

nel giorno del giudizio.

 

Fa’ che io sia protetto dalla Croce,

che io sia fortificato dalla morte di Cristo,

consolato dalla grazia.

 

E quando il mio corpo morirà

fa’ che all’anima sia data

la gloria del Paradiso.

 

Amen.

 

Actus fidei

 

Dómine Deus, firma fide credo et confíteor ómnia et síngula quæ sancta Ecclésia Cathólica propónit, quia tu, Deus, ea ómnia revelásti, qui es ætérna véritas et sapiéntia quæ nec fállere nec falli potest.

In hac fíde vívere et mori státuo.

Amen.

 

Atto di fede

 

Mio Dio, perché sei verità infallibile, credo tutto quello che tu hai rivelato e la Santa Chiesa ci propone a credere. Credo in te, unico vero Dio in tre persone uguali e distinte, Padre e Figlio e Spirito Santo.

Credo in Gesù Cristo, Figlio di Dio incarnato, morto e risorto per noi, il quale darà a ciascuno, secondo i meriti, il premio o la pena eterna. Conforme a questa fede voglio sempre vivere. Signore, accresci la mia fede. Amen.

 

Actus spei

 

Dómine Deus, spero per grátiam tuam remissiónem ómnium peccatórum, et post hanc vitam ætérnam felicitátem me esse consecutúrum: quia tu promisísti, qui es infiníte potens, fidélis, benígnus, et miséricors.

In hac spe vívere et mori státuo.

Amen.

 

Atto di speranza

 

Mio Dio, spero dalla tua bontà, per le tue promesse e per i meriti di Gesù Cristo, nostro Salvatore, la vita eterna e le grazie necessarie per meritarla con le buone opere, che io debbo e voglio fare. Signore, che io possa goderti in eterno.

Amen.

Actus caritatis

 

Dómine Deus, amo te super ómnia et próximum meum propter te, quia tu es summum, infinítum, et perfectíssimum bonum, omni dilectióne dignum.

In hac caritáte vívere et mori státuo.

Amen.

 

Atto di carità

 

Mio Dio, ti amo con tutto il cuore sopra ogni cosa, perché sei bene infinito e nostra eterna felicità; e per amar tuo amo il prossimo come me stesso e perdono le offese ricevute. Signore, che io ti ami sempre più.

Amen.

Actus contritionis

 

Deus meus, ex toto corde pǽnitet me ómnium meórum peccatórum, éaque detéstor, quia peccándo, non solum pœnas a te iuste statútas proméritus sum, sed præsértim quia offéndi te, summum bonum, ac dignum qui super ómnia diligáris. Ídeo fírmiter propóno, adiuvánte grátia tua, de cétero me non peccatúrum peccandíque occasiónes próximas fugitúrum.

Amen.

 

Atto di dolore

 

Mio Dio, mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati, perché peccando ho meritato i tuoi castighi, e molto più perché ho offeso te, infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa.

Propongo con il tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, misericordia, perdonami.

Maria, Mater viventium

(Papa Giovanni Paolo II)

 

O María,

orbis novi dilúculum,

Mater vivéntium,

cáusam omnem tíbimet vitæ commendámus:

multitúdinem, Mater, réspice innúmeram

infántium quibus interdícitur ne nascántur,

páuperum quibus vívere ipsum rédditur ásperum,

mulíerum et virórum quibus inhumána crudélitas inflígitur,

senum atque ægrotántium quibus indífferens ánimus

mortem áttulit pietásve fucáta.

Credéntes tuum in Fílium éffice

ut Evangélium vitæ

cándide scíant amantérque

nostræ ætátis homínibus nuntiare.

Ipsis grátiam impetráto

ut velúti novum usque donum illud amplexéntur,

lætítiam vero ut mémori mente

in vitæ suæ perpetuitáte id veneréntur,

páriter constántiam

ut actuósa idem tenacitáte testificéntur

unde univérsis cum bonæ voluntátis homínibus

civílem veritátis amorísque cultum exstrúere possint,

ad Dei vitæ Conditóris et amatóris láudem atque glóriam.

 

Maria, Madre dei viventi

(Papa Giovanni Paolo II)

 

O Maria,

aurora del mondo nuovo,

Madre dei viventi,

affidiamo a Te la causa della vita:

guarda, o Madre, al numero sconfinato

di bimbi cui viene impedito di nascere,

di poveri cui è reso difficile vivere,

di uomini e donne vittime di disumana violenza,

di anziani e malati uccisi dall’indifferenza

o da una presunta pietà.

 

Fa’ che quanti credono nel tuo Figlio

sappiano annunciare con franchezza e amore

agli uomini del nostro tempo

il Vangelo della vita.

Ottieni loro la grazia di accoglierlo

come dono sempre nuovo,

la gioia di celebrarlo con gratitudine

in tutta la loro esistenza

e il coraggio di testimoniarlo

con tenacia operosa, per costruire,

insieme con tutti gli uomini di buona volontà,

la civiltà della verità e dell’amore

a lode e gloria di Dio creatore e amante della vita.

Actus consecrationis familiarum

Plenaria indulgentia conceditur membris familiæ, die, qua primum, ritum peragente, si fieri potest, sacerdote vel diacono, fit eiusdem consecratio Sacr.mo Cordi Iesu vel Sacræ Familiæ Iesu, Mariæ et Ioseph, si orationem legitime adprobatam coram imagine eiusdem Sacr.mi Cordis vel Sacræ Familiæ pie recitaverint; die anniversario indulgentia erit partialis.

 

 

O Iesu Redémptor noster amabilíssime, qui e cælo missus ut mundum doctrína et exémplo illustráres, maiórem mortális tuæ vitæ partem in húmili domo Nazaréna tradúcere voluísti, Maríæ et Iosépho súbditus, illámque Famíliam consecrásti, quæ cunctis christiánis famíliis futúra erat exémplo, nostram hanc domum, quæ Tibi se totam nunc devóvet, benígnus súscipe.

 

Tu illam prótege et custódi, et sanctum Tui timórem in ea confírma, una cum pace et concórdia christiánæ caritátis; ut divíno exemplári Famíliæ tuæ símilis fiat, omnésque ad unum quibus ea constat, beatitátis sempitérnæ sint cómpotes.

O amantíssima Iesu Christi mater et mater nostra María, tua pietáte et cleméntia fac ut consecratiónem hanc nostram Iesus accéptam hábeat, et sua nobis benefícia et benedictiónes largiátur.

O Ioseph, sanctíssime Iesu et Maríæ custos, in univérsis ánimæ et córporis necessitátibus nobis tuis précibus succúrre; ut tecum una et beáta Vírgine María ætérnas divíno Redemptóri Iesu Christo láudes et grátias repéndere possímus.

 

Atto di consacrazione delle famiglie

Si concede l’indulgenza plenaria ai membri della famiglia nel giorno in cui, per la prima volta, possibilmente alla presenza del sacerdote o del diacono, si compie la consacrazione della medesima al Sacratissimo Cuore di Gesù o alla Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe, leggendo la preghiera legittimamente approvata davanti all’immagine del Sacratissimo Cuore o della Santa Famiglia; nel giorno anniversario l’indulgenza è parziale.

 

O Gesù, Redentore nostro amabilissimo, che, inviato dal Cielo a illuminare il mondo con la dottrina e con l’esempio, hai voluto passare la maggior parte della tua vita mortale soggetto a Maria e a Giuseppe nella povera casa di Nazaret, e hai santificato quella Famiglia, che doveva essere l’esemplare per tutte le famiglie cristiane, accogli benigno questa nostra casa, che ora a te si dedica.

Tu proteggila, custodiscila e stabilisci in essa il tuo santo timore, insieme con la pace e la concordia della cristiana carità, affinché si uniformi al divino modello della tua Famiglia, e tutti, nessuno escluso di quelli che la compongono, siano partecipi dell’eterna beatitudine.

O Maria, Madre amantissima di Gesù e Madre nostra, fa’ con la tua pietosa intercessione che Gesù accetti questa nostra consacrazione e ci elargisca i suoi doni e benedizioni.

O Giuseppe, custode santissimo di Gesù e Maria, soccorrici con le tue preghiere in ogni necessità spirituale e corporale, così che possiamo con te e con la Beata Vergine Maria eternamente lodare e ringraziare il divin Redentore Gesù Cristo.

 

Actus dedicationis humani generis Iesu Christo Regi

Plenaria indulgentia conceditur christifideli qui, in sollemnitate D. N. Iesu Christi Universorum Regis, actum dedicationis humani generis eidem Iesu Christo Regi publice recitaverit; in aliis rerum adiunctis indulgentia erit partialis.

 

Iesu dulcíssime, Redémptor humáni géneris, réspice nos ante conspéctum tuum humíllime provolútos. Tui sumus, tui esse vólumus; quo autem tibi coniúncti fírmius esse possímus, en hódie sacratíssimo Cordi tuo se quisque nostrum sponte dédicat.

Te quidem multi novére numquam; te, spretis mandátis tuis, multi repudiárunt. Miserére utrorúmque, benigníssime Iesu, atque ad sanctum Cor tuum rape univérsos.

Rex esto, Dómine, nec fidélium tantum qui nullo témpore discessére a te, sed etiam prodigórum filiórum qui te reliquérunt: fac ut domum patérnam cito répetant, ne miséria et fame péreant. Rex esto eórum, quos aut opiniónum error decéptos habet, aut discórdia separátos, eósque ad portum veritátis atque ad unitátem fídei révoca, ut brevi fiat unum ovíle et unus pastor.

Largíre, Dómine, Ecclésiæ tuæ secúram cum incolumitáte libertátem; largíre cunctis géntibus tranquillitátem órdinis; pérfice, ut ab utróque terræ vértice una résonet vox:

Sit laus divíno Cordi, per quod nobis parta salus: ipsi glória et honor in sǽcula.

Amen.

Atto di consacrazione del genere umano a Cristo Re

Al fedele che nella solennità di N. S. Gesù Cristo Re dell’universo recita pubblicamente l’atto di consacrazione del genere umano a Gesù Cristo Re si concede l’indulgenza plenaria; negli altri casi l’indulgenza è parziale.

 

Gesù dolcissimo, o Redentore del genere umano, riguarda a noi umilmente prostrati innanzi a te. Noi siamo tuoi, e tuoi vogliamo essere; e per vivere a te più strettamente congiunti, ecco che ognuno di noi oggi spontaneamente si consacra al tuo sacratissimo Cuore. Molti, purtroppo, non ti conobbero mai; molti, disprezzando i tuoi comandamenti, ti ripudiarono. benignissimo Gesù, abbi misericordia e degli uni e degli altri e tutti quanti attira al tuo sacratissimo Cuore.

O Signore, sii il Re non solo dei fedeli che non si allontanarono mai da te, ma anche di quei figli prodighi che ti abbandonarono; fa’ che questi, quanto prima, ritornino alla casa paterna, per non morire di miseria e di fame. Sii il Re di coloro che vivono nell’inganno e nell’errore, o per discordia da te separati; richiamali al porto della verità, all’unità della fede, affinché in breve si faccia un solo ovile sotto un solo pastore. Largisci, o Signore, incolumità e libertà sicura alla tua Chiesa, concedi a tutti i popoli la tranquillità dell’ordine: fa’ che da un capo all’altro della terra risuoni quest’unica voce: Sia lode a quel Cuore divino, da cui venne la nostra salvezza; a lui si canti gloria e onore nei secoli dei secoli. Amen.

 

Actus reparationis

Plenaria indulgentia conceditur christifideli, qui in sollemnitate Sacr.mi Cordis Iesu, actum reparationis publice recitaverit; in aliis rerum adiunctis indulgentia erit partialis.

 

Iesu dulcíssime, cúius effúsa in hómines cáritas, tanta oblivióne, neglegéntia, contemptióne, ingratíssime repénditur, en nos, ante conspéctum tuum provolúti, tam nefáriam hóminum socórdiam iniuriásque, quibus úndique amantíssimum Cor tuum affícitur, peculiári honóre resarcíre conténdimus.

Áttamen, mémores tantæ nos quoque indignitátis non expértes aliquándo fuísse, índeque vehementíssimo dolóre commóti, tuam in primis misericórdiam nobis implorámus, paráti, voluntária expiatióne compensáre flagítia non modo quæ ipsi patrávimus, sed etiam illórum, qui, longe a salutis via aberrántes vel te pastórem ducémque sectári detréctant, in sua infidelitáte obstináti, vel, baptísmatis promíssa conculcántes, suavíssimum tuæ legis iugum excussérunt.

Quæ deploránda crímina, cum univérsa expiáre conténdimus, tum nobis síngula resarciénda propónimus: vitæ cultúsque immodéstiam atque turpitúdines, tot corruptélæ pédicas innocéntium ánimis instrúctas, dies festos violátos, exsecránda in te tuósque Sanctos iactáta maledícta atque in tuum Vicárium ordinémque sacerdotálem convícia irrogáta, ipsum dénique amóris divíni Sacraméntum vel negléctum vel horréndis sacrilégiis profanátum, pública postrémo natiónum delícta, quæ Ecclésiæ a te institútæ iúribus magisterióque reluctántur.

Quæ útinam crímina sánguine ipsi nostro elúere possémus! Intérea ad violátum divínum honórem resarciéndum, quam Tu olim Patri in Cruce satisfactiónem obtulísti quamque cotídie in altáribus renováre pergis, hanc éandem nos tibi præstámus, cum Vírginis Matris, ómnium Sanctórum, piórum quoque fidélium expiatiónibus coniúnctam, ex ánimo spondéntes, cum prætérita nostra aliorúmque peccáta ac tanti amóris incúriam firma fide, cándidis vitæ móribus, perfécta legis evangélicæ, caritátis potíssimum, observántia, quantum in nobis erit, grátia tua favénte, nos esse compensatúros, tum iniúrias tibi inferéndas pro víribus prohibitúros, et quam plúrimos potuerímus ad tui sequélam convocatúros. Excípias, quǽsumus, benigníssime Iesu, beáta Vírgine María Reparatríce intercedénte, voluntárium húius expiatiónis obséquium nosque in offício tuíque servítio fidíssimos ad mortem usque velis, magno illo perseverántiæ múnere, continére, ut ad illam tandem pátriam perveniámus omnes, ubi Tu cum Patre et Spíritu Sancto vivis et regnas in sǽcula sæculórum.

Amen.

Atto di riparazione

Si concede l’indulgenza plenaria al fedele che nella solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù recita pubblicamente l’atto di riparazione; negli altri casi l’indulgenza è parziale.

 

Gesù dolcissimo, il cui immenso amore per gli uomini viene con tanta ingratitudine ripagato di oblio, di trascuratezza, di disprezzo, ecco che noi, prostrati innanzi a te, intendiamo riparare con particolari attestazioni di onore una così indegna freddezza e le ingiurie con le quali da ogni parte viene ferito dagli uomini l’amantissimo tuo Cuore.

Memori pero che noi pure altre volte ci macchiammo di tanta indegnità, e provandone vivissimo dolore, imploriamo anzitutto per noi la tua misericordia, pronti a riparare, con volontaria espiazione, non solo i peccati commessi da noi, ma anche quelli di coloro che, errando lontano dalla via della salute, ricusano di seguire te come pastore e guida, ostinandosi nella loro infedeltà, o, calpestando le promesse del Battesimo, hanno scosso il soavissimo giogo della tua legge.

E mentre intendiamo espiare tutto il cumulo di sì deplorevoli delitti, ci proponiamo di ripararli ciascuno in particolare: l’immodestia e le brutture della vita e dell’abbigliamento, le tante insidie tese dalla corruttela alle anime innocenti, la profanazione dei giorni festivi, le ingiurie esecrande scagliate contro te e i tuoi santi, gli insulti lanciati contro il tuo Vicario e l’ordine sacerdotale, le negligenze e gli orribili sacrilegi onde è profanato lo stesso sacramento dell’amore divino, e infine le colpe pubbliche delle nazioni che osteggiano i diritti e il magistero della Chiesa da te fondata.

Ed oh potessimo noi lavare col nostro sangue questi affronti! Intanto come riparazione dell’onore divino conculcato, noi ti presentiamo, accompagnandola con le espiazioni della Vergine tua Madre, di tutti i santi e delle anime pie, quella soddisfazione che tu stesso un giorno offristi sulla croce al Padre e che ogni giorno rinnovi sugli altari: promettendo con tutto il cuore di voler riparare, per quanto sarà in noi e con l’aiuto della tua grazia, i peccati commessi da noi e dagli

altri e l’indifferenza verso sì grande amore, con la fermezza della fede, l’innocenza della vita, l’osservanza perfetta della legge evangelica, specialmente della carità, e di impedire inoltre con tutte le nostre forze le ingiurie contro di te, e di attrarre quanti più potremo alla tua sequéla. Accogli, te ne preghiamo, o benignissimo Gesù, per l’intercessione della beata Vergine Maria Riparatrice, questo volontario ossequio di riparazione, e conservaci fedelissimi nella tua obbedienza e nel tuo servizio fino alla morte con il gran dono della perseveranza, mediante il quale possiamo tutti un giorno pervenire a quella patria, dove tu col Padre e con lo Spirito Santo vivi e regni Dio per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

Oratio pro christianorum unitate

Partialis indulgentia conceditur christifideli qui hanc orationem pro christianorum unitate devote recitaverit.

 

Omnípotens et miséricors Deus, qui diversitátem géntium in unum pópulum per Fílium tuum adunáre voluísti, concéde propítius ut qui christiáno nómine gloriántur, quálibet divisióne reiécta, unum sint in veritáte et caritáte, et omnes hómines, veræ fídei lúmine illustráti, in unam Ecclésiam fratérna communióne convéniant.

Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

Preghiera per l’unità dei cristiani

Si concede l’indulgenza parziale al fedele che piamente recita questa preghiera per l’unità dei cristiani.

 

Dio onnipotente e misericordioso, che, per mezzo del tuo Figlio, hai voluto unire le diverse nazioni in un solo popolo, concedi propizio che coloro che si gloriano del nome cristiano, superata ogni divisione, siano una cosa sola nella verità e nella carità, e tutti gli uomini, illuminati dalla vera fede, s’incontrino in comunione fraterna nell’unica Chiesa.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Ad te, beate Ioseph

Partialis indulgentia conceditur christifideli qui S. Ioseph, Sponsum B.M.V., hac prece pie invocaverit.

 

Ad te, beate Ioseph, in tribulatióne nostra confúgimus, atque, imploráto Sponsæ tuæ sanctíssimæ auxílio, patrocínium quoque tuum fidénter expóscimus. Per eam, quǽsumus, quæ te cum immaculáta Vírgine Dei Genetríce coniúnxit, caritátem, perque patérnum, quo Púerum Iesum ampléxus es, amorem, súpplices deprecámur, ut ad hereditátem, quam Iesus Christus acquisívit Sánguine suo, benígnus respícias, ac necessitátibus nostris tua virtúte et ope succúrras. Tuére, o Custos providentíssime divínæ Famíliæ, Iesu Christi sóbolem eléctam; próhibe a nobis, amantíssime Pater, omnem errórum ac corruptelárum lúem; propítius nobis, sospitátor noster fortíssime, in hoc cum potestáte tenebrárum certámine e cælo adésto; et sicut olim Púerum Iesum e summo eripuísti vitæ discrímine, ita nunc Ecclésiam sanctam Dei ab hostílibus insídiis atque ab omni adversitáte defénde: nosque síngulos perpétuo tege patrocínio, ut ad tui exémplar et ope tua suffúlti, sancte vívere, pie mori, sempiternámque in cælis beatitúdinem ássequi possímus.

Amen.

 

A te, o beato Giuseppe

Si concede l’indulgenza parziale al fedele che invoca san Giuseppe, Sposo della B.V.M., con questa preghiera.

 

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, insieme con quello della tua santissima Sposa. Deh! per quel sacro vincolo di carità che ti strinse all’Immacolata Vergine Madre di Dio, e per l’amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità che Gesù Cristo acquistò col suo sangue, e col tuo potere ed aiuto soccorri ai nostri bisogni. Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l’eletta prole di Gesù Cristo; allontana da noi, o padre amantissimo, la peste di errori e di vizi che ammorba il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del bambino Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità, e copri ciascuno di noi con il tuo continuo patrocinio, affinché con il tuo esempio e con il tuo soccorso possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l’eterna beatitudine in cielo.

Amen.

 

Salve, Redemptoris custos

(Papa Francesco)

 

Salve, Redemptóris custos

et sponsus Maríæ Vírginis.

Tibi Deus suum Fílium commísit;

in te María fidúciam suam repósuit;

tecum Christus vir factus est.

O beáte Ioseph, étiam nobis monstra te esse patrem,

atque duc nos in vitæ itínere.

Ímpetra nobis grátiam, misericórdiam et ánimum,

et tuére nos ab omni malo.

Amen.

 

Salve, custode del Redentore

(Papa Francesco)

 

Salve, custode del Redentore,

e sposo della Vergine Maria.

A te Dio affidò il suo Figlio;

in te Maria ripose la sua fiducia;

con te Cristo diventò uomo.

O Beato Giuseppe, mostrati padre anche per noi,

e guidaci nel cammino della vita.

Ottienici grazia, misericordia e coraggio,

e difendici da ogni male.

Amen.

O felicem virum, beatum Ioseph

 

O felícem virum, beátum Ioseph, cui datum est Deum, quem multi reges voluérunt vidére, et non vidérunt, audíre, et non audiérunt, non solum vidére et audíre, sed portáre, deosculári, vestíre et custodíre!

 

Ora pro nobis, beáte Ioseph.

Ut digni efficiámur promissiónibus Christi.

 

 

Deus, qui dedísti nobis regále sacerdótium: prǽsta, quǽsumus; ut, sicut beátus Ioseph unigénitum Fílium tuum, natum ex María Vírgine, suis mánibus reverénter tractáre méruit et portáre, ita nos fácias cum cordis mundítia et óperis innocéntia tuis sanctis altáribus deservíre, ut sacrosánctum Fílii tui Corpus et Sánguinem hódie digne sumámus, et in futúro sǽculo prǽmium habére mereámur ætérnum.

Per eúndem Christum Dóminum nostrum.

Amen.

 

O uomo felice, beato Giuseppe

 

O uomo felice, beato Giuseppe, cui è stato dato non solo di vedere e ascoltare Dio, che molti re avrebbero voluto vedere e non hanno visto, ascoltare e non hanno ascoltato, ma anche di portarlo, baciarlo, vestirlo e custodirlo!

 

Prega per noi, beato Giuseppe.

Affinché siamo fatti degni delle promesse di Cristo.

 

O Dio, che ci donasti un sacerdozio regale, fa’ che, come il beato Giuseppe meritò di trattare con riverenza e di portare con le sue mani il tuo unigenito Figliolo nato dalla Vergine Maria, così, faccia che noi serviamo ai tuoi altari con cuore mondo e opere sante, onde oggi riceviamo degnamente il sacro santo corpo e sangue del tuo Figlio e meritiamo d’avere nel secolo a venire il premio eterno.

Per il medesimo Cristo nostro Signore.

Amen.

Litaniæ Sancti Ioseph

 

Kýrie eléison — Kýrie eléison

Christe eléison — Christe eléison

Kýrie eléison — Kýrie eléison

Christe áudi nos — Christe audi nos

Christe exáudi nos — Christe exaudi nos

Pater de Cœlis, Deus — miserére nobis

Fili Redémptor mundi, Deus — miserére nobis

Spíritus Sancte, Deus — miserére nobis

Sancta Trínitas, unus Deus — miserére nobis

 

Sancta María, ora pro nobis

Sancte Ioseph, ora pro nobis

Proles David ínclita, ora pro nobis

Lumen Patriarchárum, ora pro nobis

Dei Genetrícis Sponse, ora pro nobis

Custos púdice Vírginis, ora pro nobis

Fílii Dei nutrície, ora pro nobis

Christi defénsor sédule, ora pro nobis

Almæ Famíliæ præses, ora pro nobis

Ioseph iustíssime, ora pro nobis

Ioseph castíssime, ora pro nobis

Ioseph prudentíssime, ora pro nobis

Ioseph fortíssime, ora pro nobis

Ioseph obœdientíssime, ora pro nobis

Ioseph fidelíssime, ora pro nobis

Spéculum patiéntiæ, ora pro nobis

Amátor paupertátis, ora pro nobis

Exémplar opíficum, ora pro nobis

Domésticæ vitæ decus, ora pro nobis

Custos vírginum, ora pro nobis

Familiárum cólumen, ora pro nobis

Solácium miserórum, ora pro nobis

Spes ægrotántium, ora pro nobis

Patróne moriéntium, ora pro nobis

Terror dǽmonum, ora pro nobis

Protéctor sanctæ Ecclésiæ, ora pro nobis

 

Agnus Dei qui tollis peccáta mundi

            parce nobis, Dómine

Agnus Dei qui tollis peccáta mundi

            exáudi nos, Dómine

Agnus Dei qui tollis peccáta mundi

            miserére nobis.

 

Constítuit eum dóminum domus suæ.

Et príncipem omnis possessiónis suæ.

 

Orémus.

Deus, qui ineffábili providéntia beátum Ioseph sanctíssimæ Genetrícis tuæ sponsum elígere dignátus es: prǽsta, quǽsumus; ut, quem protectórem venerámur in terris, intercessórem habére mereámur in cælis: Qui vivis et regnas in sǽcula sæculórum.

Amen.

 

Litanie a san Giuseppe

 

Signore, pietà — Signore, pietà

Cristo, pietà — Cristo, pietà

Signore, pietà — Signore, pietà

Cristo, ascoltaci — Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici — Cristo, esaudiscici

Padre che sei nei Cieli — abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del mondo — abbi pietà di noi

Spirito Santo Paràclito — abbi pietà di noi

Santa Trinità, unico Dio — abbi pietà di noi

 

Santa Maria, prega per noi

S. Giuseppe, prega per noi

Inclita prole di Davide, prega per noi

Luce dei Patriarchi, prega per noi

Sposo della Madre di Dio, prega per noi

Custode purissimo della Vergine, prega per noi

Tu che nutristi il Figlio di Dio, prega per noi

Solerte difensore di Cristo, prega per noi

Capo dell’alma Famiglia, prega per noi

Giuseppe giustissimo, prega per noi

Giuseppe castissimo, prega per noi

Giuseppe prudentissimo, prega per noi

Giuseppe fortissimo, prega per noi

Giuseppe obbedientissimo, prega per noi

Giuseppe fedelissimo, prega per noi

Specchio di pazienza, prega per noi

Amante della povertà, prega per noi

Esempio agli operai, prega per noi

Decoro della vita domestica, prega per noi

Custode dei vergini, prega per noi

Sostegno delle famiglie, prega per noi

Conforto dei sofferenti, prega per noi

Speranza degli infermi, prega per noi

Patrono dei moribondi, prega per noi

Terrore dei demoni, prega per noi

Protettore della santa Chiesa, prega per noi

 

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo

perdonaci, Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo

            ascoltaci, Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo

            abbi pietà di noi.

 

Lo ha costituito padrone della sua casa.

E principe sopra ogni suo possedimento.

 

Preghiamo.

O Dio, che con ineffabile provvidenza ti degnasti di eleggere il beato Giuseppe a sposo della tua santissima Madre, deh! concedi che, venerandolo quale protettore in terra, meritiamo di averlo intercessore nel cielo. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Amen.

Sancti Apostoli Petre et Paule

Partialis indulgentia conceditur christifideli qui hanc orationem devote recitaverit.

 

Sancti Apóstoli Petre et Páule, intercédite pro nobis.

Prótege, Dómine, pópulum tuum; et Apostolórum tuórum Petri et Páuli patrocínio confidéntem, perpétua defensióne consérva. Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

 

Santi apostoli Pietro e Paolo

Si concede l’indulgenza parziale al fedele che recita devotamente questa preghiera.

 

Santi apostoli Pietro e Paolo, intercedete per noi.

Proteggi, o Signore, il tuo popolo, e difendi sempre coloro che confidano nel patrocinio dei santi Apostoli Pietro e Paolo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Preces supplicationis et gratiarum actionis

Partialis indulgentia conceditur christifideli qui,

1° ineunte et declinante die,

2° in incipiendo et explendo proprio officio,

3° ante et post refectionem,

aliquam legitime adprobatam supplicationis et gratiarum actionis precem devote effuderit.

 

Actiónes nostras, quǽsumus, Dómine, aspirándo prǽveni et adiuvándo proséquere: ut cuncta nostra operátio a te semper incípiat et per te cœpta finiátur.

Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

 

Preghiere di supplica e di ringraziamento

Si concede l’indulgenza parziale al fedele che,

1° all’inizio e al termine del giorno,

2° iniziando e compiendo il proprio ufficio,

3° prima e dopo il pasto,

rivolge devotamente una preghiera di supplica e di ringraziamento legittimamente approvata.

 

Ispira le nostre azioni, Signore, e accompagnale con il tuo aiuto; perché ogni nostra attività abbia sempre da te il suo inizio e in te il suo compimento.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

(Oratio ante sessionem ad communia negotia)

Ádsumus, Dómine Sancte Spíritus, ádsumus peccáti quidem immanitáte deténti, sed in nómine tuo speciáliter congregáti.

Veni ad nos et esto nobíscum et dignáre illábi córdibus nostris. Doce nos quid agámus, quo gradiámur et osténde quid effícere debeámus, ut, te auxiliánte, tibi in ómnibus placére valeámus.

Esto solus suggéstor et efféctor iudiciórum nostrórum, qui solus cum Deo Patre et eius Fílio nomen póssides gloriósum. Non nos patiáris perturbatóres esse iustítiæ qui summam díligis æquitátem. Non in sinístrum nos ignorántia trahat, non favor infléctat, non accéptio múneris vel persónæ corrúmpat.

Sed iúnge nos tibi efficáciter solíus tuæ grátiæ dono, ut simus in te unum et in nullo deviémus a vero; quátenus in nómine tuo collécti, sic in cunctis teneámus cum moderámine pietátis iustítiam, ut et hic a te in nullo disséntiat senténtia nostra et in futúrum pro bene gestis consequámur prǽmia sempitérna. Amen.

 

(Si suole recitare questa preghiera prima di una sessione di studio d’interesse comune)

Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome.

Vieni a noi, assistici, scendi nei nostri cuori: insegnaci tu ciò che dobbiamo fare, mostraci tu il cammino da seguire, compi tu stesso quanto da noi richiedi. Sii tu solo a suggerire e guidare le nostre decisioni, perché tu solo, con Dio Padre e con il Figlio suo, hai un nome santo e glorioso: non permettere che sia lesa da noi la giustizia, tu che ami l’ordine e la pace; non ci faccia sviare l’ignoranza, non ci renda parziali l’umana simpatia, non c’influenzino cariche o persone; tienici stretti a te col dono della tua grazia, perché siamo una sola cosa in te e in nulla ci discostiamo dalla verità; fa’ che, riuniti nel tuo santo nome, sappiamo contemperare bontà e fermezza insieme, così da far tutto in armonia con te, nell’attesa che per il fedele compimento del dovere ci siano dati in futuro i premi eterni. Amen.

 

Benedictio ante mensam

 

Bénedic, Dómine, nos et hæc tua dona, quæ de tua largitáte sumus sumptúri.

Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

Ante prandium:

Mensæ cæléstis partícipes fáciat nos, Rex ætérnæ glóriæ. Amen.

Ante cenam:

Ad cenam vitæ ætérnæ perdúcat nos, Rex ætérnæ glóriæ. Amen.

 

Benedizione prima del pasto

 

Benedici, Signore, noi e questi tuoi doni, che stiamo per ricevere come segno della tua bontà.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

A pranzo:

Il Re dell’eterna gloria ci faccia partecipi della mensa celeste.

A cena:

Il Re dell’eterna gloria ci conduca alla cena della vita eterna.

Benedictio post mensam

 

Ágimus tibi grátias, omnípotens Deus, pro univérsis benefíciis tuis: Qui vivis et regnas in sǽcula sæculórum.

Amen.

 

Deus det nobis suam pacem.

Et vitam ætérnam. Amen.

 

Benedizione dopo il pasto

 

Ti rendiamo grazie per tutti i tuoi benefici, Dio onnipotente, che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Amen.

 

Il Signore ci dia la sua pace.

E la vita eterna. Amen.

Dómine, Deus omnípotens, qui ad princípium húius diéi nos perveníre fecísti, tua nos hódie salva virtúte, ut in hac die ad nullum declinémus peccátum, sed semper ad tuam iustítiam faciéndam nostra procédant elóquia, dirigántur cogitatiónes et ópera.

Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

 

Signore Dio onnipotente, che ci hai dato la grazia di giungere a questo giorno, accompagnaci oggi con la tua protezione, perché non deviamo mai verso il peccato e in pensieri, parole e opere aderiamo sempre alla tua volontà.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

Exáudi nos, Dómine sancte, Pater omnípotens, ætérne Deus: et míttere dignéris sanctum Ángelum tuum de cælis, qui custódiat, fóveat, prótegat, vísitet atque deféndat omnes habitántes in hoc habitáculo.

Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

 

Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno, ascolta la nostra preghiera: manda dal cielo il tuo santo angelo a custodire, confortare, proteggere, visitare e difendere tutti gli abitanti di questa casa.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

Veni, Sancte Spíritus, reple tuórum corda fidélium et tui amóris in eis ignem accénde.

 

Vieni, Santo Spirito, riempi il cuore dei fedeli e accendi in essi il fuoco del tuo amore.

Vísita, quǽsumus, Dómine, habitatiónem istam, et omnes insídias inimíci ab ea longe repélle, ángeli tui sancti hábitent in ea, qui nos in pace custódiant; et benedíctio tua sit super nos semper.

Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

 

Visita, o Padre, la nostra casa e tieni lontano le insidie del nemico; vengano i santi angeli a custodirci nella pace, e la tua benedizione rimanga sempre con noi.

Per Cristo nostro Signore.

Amen.

Orémus pro Pontífice nostro Francísco.

 

Dóminus consérvet eum, et vivíficet eum, et beátum fáciat eum in terra, et non tradat eum in ánimam inimicórum eius.

 

Tu es Petrus.

Et super hanc petram ædificábo Ecclésiam meam.

 

Orémus.

Deus, ómnium fidélium pastor et rector, fámulum tuum Francíscum, quem pastórem Ecclésiæ tuæ præésse voluísti, propítius réspice: da ei, quǽsumus, verbo et exémplo, quibus prǽest, profícere: ut ad vitam, una cum grege sibi crédito, pervéniat sempitérnam.

Per Christum, Dóminum nostrum. Amen.

 

Mater Ecclésiæ, ora pro nobis.

Sancte Petre, ora pro nobis.

 

Preghiamo per il nostro Papa Francesco.

 

Il Signore lo conservi, gli doni vita, lo renda felice sulla terra e non lo lasci in preda ai suoi nemici.

 

Tu sei Pietro.

E su questa pietra edificherò la mia Chiesa.

 

 

Preghiamo.

O Dio, pastore e guida di tutti i credenti, guarda il tuo servo Francesco che hai posto a presiedere la tua Chiesa; sostienilo con il tuo amore, perché edifichi con la parola e con l’esempio il popolo che gli hai affidato, e insieme giungano alla vita eterna.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Madre della Chiesa, prega per noi.

San Pietro, prega per noi.

 

Invocazioni varie

 

Deus meus.

Pater.

Iesus.

Laudétur Iesus Christus.

Credo in te, Dómine.

Adoro te.

Spero in te.

Amo te.

Ómnia pro te.

Grátias ago tibi

(vel Deo grátias).

Deus sit benedíctus

(vel Benedicámus Dómino).

Advéniat regnum tuum.

Fiat volúntas tua.

Sicut Dómino placet.

Ádiuva me, Deus.

Confórta me.

Exáudi me

(vel Exáudi oratiónem meam).

Salva me.

Miserére mei.

Parce mihi, Dómine.

Ne permíttas me separári a te.

Ne derelínquas me.

Ave, María.

Glória in excélsis Deo.

Dómine, magnus es tu.

Totus tuus.

Dio mio!

Padre!

Gesù!

Sia lodato Gesù Cristo!

Credo in te, o Signore!

Ti adoro!

Spero in te!

Ti amo!

Tutto per te!

Ti rendo grazie!

(oppure Grazie a Dio!)

Dio sia benedetto!

(oppure Benediciamo il Signore!)

Venga il tuo regno!

Sia fatta la tua volontà!

Come a Dio piace!

Aiutami, o Dio!

Confortami!

Ascoltami!

(oppure Ascolta la mia preghiera!)

Salvami!

Abbi pietà di me!

Perdonami, o Signore!

Non permettere che io mi separi da te!

Non abbandonarmi!

Ave, Maria!

Gloria a Dio nell’alto dei cieli!

Sei grande, o Signore!

Tutto tuo!

 

Adorámus te, Christe, et benedícimus tibi;

quia per Crucem tuam redemísti mundum.

 

Benedícta sit sancta Trínitas.

 

Christus vincit! Christus regnat!

Christus ímperat!

 

Cor Iesu, flagrans amóre nostri,

inflámma cor nostrum amóre tui.

Cor Iesu, in te confído.

Cor Iesu, ómnia pro te.

Cor Iesu sacratíssimum, miserére nobis.

 

Deus meus et ómnia.

 

Deus, propítius esto mihi peccatóri.

 

Dignáre me laudáre te, Virgo sacráta;

da mihi virtútem contra hostes tuos.

 

Doce me fácere voluntátem tuam,

quia Deus meus es tu.

 

Dómine, adáuge nobis fidem.

 

Dómine, fiat únitas méntium in veritáte

et únitas córdium in caritáte.

 

Dómine, salva nos, perímus.

 

Dóminus meus et Deus meus.

 

Dulce cor Maríæ, esto salus mea.

 

Glória Patri et Fílio et Spirítui Sancto.

 

Iesu, María, Ioseph.

Iesu, María, Ioseph,

vobis cor et ánimam meam dono.

Iesu, María, Ioseph,

adstáte mihi in extrémo agóne.

Iesu, María, Ioseph,

in pace vobíscum dórmiam et requiéscam.

 

Iesu, mitis et húmilis corde,

fac cor nostrum secúndum Cor tuum.

 

Laudétur et adorétur in ætérnum

sanctíssimum Sacraméntum.

 

Mane nobíscum, Dómine.

 

Mater dolorósa, ora pro nobis.

 

Mater mea, fidúcia mea.

 

Mitte, Dómine, operários in messem tuam.

 

Nos cum prole pia

benedícat Virgo María.

 

O crux, ave, spes única.

 

Omnes Sancti et Sanctæ Dei,

oráte pro nobis.

 

Ora pro nobis, sancta Dei Génetrix,

ut digni efficiámur promissiónibus Christi.

 

Pater, in manus tuas

comméndo spíritum meum.

 

Pie Iesu Dómine,

dona éis réquiem.

 

Regína sine labe origináli concépta,

ora pro nobis.

 

Sancta Dei Génetrix, semper Virgo María,

intercéde pro nobis.

 

Sancta María, Mater Dei, ora pro me.

 

Tu es Christus, Fílius Dei vivi.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo,

con la tua croce hai redento il mondo.

 

Sia benedetta la Santa Trinità.

 

Cristo vince, Cristo regna,

Cristo ìmpera!

 

Cuor di Gesù, ardente di amore per noi,

infiamma il nostro cuore di amore per te.

Cuor di Gesù, confido in te.

Cuor di Gesù, tutto per te.

Cuore sacratissimo di Gesù, abbi pietà di noi.

 

Mio Dio, mio tutto.

 

O Dio, abbi pieta di me peccatore.

 

Lascia, o Vergine santa, che io ti lodi;

dammi forza contro i tuoi nemici.

 

Insegnami a compiere il tuo volere,

perché sei tu il mio Dio.

 

Signore, aumenta la nostra fede.

 

Signore, si faccia l’unità delle menti nella verità e l’unità dei cuori nella carità.

 

Salvaci, Signore, siamo in pericolo!

 

Mio Signore e mio Dio!

 

Dolce Cuore di Maria, sii la salvezza mia.

 

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

 

Gesù, Giuseppe, Maria.

Gesù, Giuseppe e Maria,

vi dono il cuore e l’anima mia.

Gesù, Giuseppe e Maria,

assistetemi nell’ultima agonia.

Gesù, Giuseppe e Maria,

spiri in pace con voi l’anima mia.

 

Gesù, mite ed umile di cuore,

rendi il nostro cuore simile al tuo.

 

Sia lodato e ringraziato ogni momento

il santissimo e divinissimo Sacramento.

 

Resta con noi, Signore.

 

Madre dolorosa, prega per noi.

 

Madre mia, fiducia mia.

 

Manda, Signore, nuovi operai nella tua messe.

 

Ci benedica insieme con il suo Figlio

la Vergine Maria.

 

Ave, o croce, unica speranza.

 

Voi tutti santi e sante di Dio,

intercedete per noi.

 

Prega per noi, santa Madre di Dio,

e rendici degni delle promesse di Cristo.

 

Padre, nelle tue mani

consegno il mio spirito.

 

O misericordioso Signore Gesù,

dona loro il riposo.

 

O Maria, concepita senza peccato,

prega per noi.

 

Santa Madre di Dio, sempre Vergine Maria,

intercedi per noi.

 

Santa Maria, Madre di Dio, prega per me.

 

Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente.